Gli acrostici

La parola acrostico deriva dal tardo greco e significa "verso estremo/elevato". Esso è un componimento poetico o un gioco di parole in cui le lettere, le sillabe o le parole iniziali di ciascun verso, lette dall'alto in basso, formano un nome o una frase.

Crea l'acrostico del tuo nome

Esempi di acrostici ci giungono dalle composizioni sacre babilonesi oppure dalla Bibbia con il profeta Geremia e i suoi cosiddetti "Salmi alfabetici" in cui l'inizio di ogni verso presenta, nell'ordine, tutte le lettere dell'alfabeto (Salmi 25, 34, 119).
Costituisce un acrostico anche ciò che risulta dalle lettere iniziali di singole parole anziché di versi, come ad esempio Ichthýs (traslitterazione della parola in greco antico "pesce", simbolo religioso cristiano): Iesùs CHristòs THHYiòs Sotèr ossia Gesù Cristo Salvatore Figlio di Dio.

L'acrostico cristologico Ichthýs
L'acrostico cristologico Ichthýs

L'uso degli acrostici passò quindi dai greci dell'età ellenistica alla poesia latina cristiana, medievale e bizantina per giungere fino alla poesia italiana. Famoso è l'acrostico formato dai capoversi delle terzine dell'"Amorosa visione" di Boccaccio che costituiscono la dedica del poemetto a Maria d'Aquino.

L'acrostico quindi veniva utilizzato soprattutto per evidenziare il nome del poeta o della persona a cui veniva dedicata la poesia oppure per motivazioni mnemoniche o per sottintendere un messaggio come nel caso della scritta Viva V.E.R.D.I. usata da alcuni patrioti italiani durante il Risorgimento per mascherare l'acclamazione Viva Vittorio Emanuele Re D'Italia.

Un'altro esempio di acrostico molto noto è l'inno dei Paesi Bassi: le prime lettere di ogni strofa formano il nome di "Willem van Nassov" - Gugliemo III d'Orange, leader della rivolta olandese contro Filippo II di Spagna.

Esempi di acrostici:

Il poema scritto dallo statunitense Edgar Allan Poe - "An Acrostic" forma il nome Elizabeth:

Elizabeth it is in vain you say
"Love not" - thou sayest it in so sweet a way:
In vain those words from thee or L.E.L.
Zantippe's talents had enforced so well:
Ah! if that language from thy heart arise,
Breath it less gently forth - and veil thine eyes.
Endymion, recollect, when Luna tried
To cure his love - was cured of all beside -
His follie - pride - and passion - for he died.

Il dramma "La Corte del Buen Retiro" di Patricio de la Escora dedicato a Isabel de Borbón:

Ira del cielo, amor, fueron tus tiros:
Sobre el que adora un imposible objeto:
Arde y su fuego, que ocultó el respeto,
Bramando exhala en rápidos suspiros.
En vano ablandan bronces y porfiros
Lágrimas de dolor. ¡Cruel Aleto!
Dura suerte! No muda un solo afeto,
En tanto el hombre cambia en raudos giros.
Bárbaro amor, concede una esperanza,
O que á olvidar me mueva su desprecio:
Rompe, sino, los lazos de la vida:
Baste ya lo sufrido á tu venganza
Oh! no escuches, amor, ni ruego necio:
No: ingrata sea: nunca aborrecida.

Il poeta francese François Villon nella sua ballata inserisce l'acrostico del suo cognome:

Vous portâtes, digne Vierge, princesse,
Iésus régnant qui n'a ni fin ni cesse.
Le Tout-Puissant, prenant notre faiblesse,
Laissa les cieux et nous vint secourir,
Offrit à mort sa très chère jeunesse;
Notre Seigneur tel est, tel le confesse:
En cette foi je veux vivre et mourir.

L'acrostico dell'incisore Nathaniel Dearborn pubblicato a Boston nel 1850 forma il nome Jenny Lind (celebre soprano lirico)

L'acrostico di Dearborn
L'acrostico di Dearborn: si legge il nome Jenny Lind
NEWSLETTER
SONDAGGIO