Non nominare invano di Luciana Littizzetto.

Adesso piange. La balenga. Quanto cervello sprecato...Allo spiedo li farei, con le patatine tonde... lei e suo marito, quel plantigrado. Hanno chiamato il figlio Leone e adesso che fa la prima elementare piangono perché i compagni di classe gli fanno tutto il giorno grrr grrr. Ma pensa. Lunedì giocando agli esploratori l'hanno anche catturato e chiuso nel gabinetto. E adesso piangono tutti. Mamma, papà e figlio re della foresta.

Siccome non posso sempre farmi i fatti miei, vi chiedo un piacere. Personale. Cari bandoleri stanchi e care Lady Marian. Quando decidete di unire l'utero al dilettevole, mi fate un pochino di attenzione? Potete mica chiamare la vostra creatura con un nome decente? Non è che Leone sia brutto, ma è più da papa che da scolaro di prima elementare. Io penso che il primo vero atto di responsabilità dei genitori nei confronti del figlio sia la scelta del nome. Non del nido, della culla o del ciripà. Vi prego: non infierite. La vita è già così complicata. Non mi dite che quello che avete appioppiato al pupo è semplicemente il nome del nonno materno. Non è affatto una giustificazione. Se il povero nonno ha già avuto la sfiga di chiamarsi Sulpicio, perché vogliamo continuare a far soffrire il nipote? Il mio amico Stefano di Roma ha chiamato il figlio Manfredi Galeazzo. Che non fa rima con niente. E la sorellina? Erbaluce. Almeno fossero di Caluso.

Ma ci sono anche i genitori temerari. Che azzardano il nome storico o mitologico. Bravi. E se poi vostro figlio che avete battezzato Marcantonio vien su una mezza sega? A chi deve dire grazie? A voi due che vi chiamate Franca e Piero. Deficienti. E quelli che danno il nome della ricorrenza? Mia zia è nata a Natale e l'han chiamata Natalina. Se fosse nata a Pasqua l'avrebbero chiamata Pasqualina. Ma se fosse venuta al mondo il giorno dei morti come l'avrebbero chiamata? Mortisia o Mortalì?

Vorrei inventare una legge che permetta ai figli, raggiunta l'età della ragione, di cambiare il nome ai genitori. Così chi è stata chiamata Savana ribattezzerà sua madre Calcutta e saranno pari. Ma è inutile sognare. Qui in Italia sono anni che chiamiamo un prosciutto Gran Biscotto e nessuno fa una piega.
29 agosto 2002 - Brano tratto dal libro \"La principessa sul pisello\" di Luciana Littizzetto

Leggi tutte le news sui nomi: clicca qui

NEWSLETTER
SONDAGGIO