Perchè gli uragani hanno nomi femminili?

Negli Stati Uniti il 1° giugno di ogni anno si apre ufficialmente la stagione degli uragani e gli studi sulle cause e conseguenze degli stessi sono all'ordine del giorno.

I ricercatori dell'Università dell'Illinois si sono però concentrati sui nomi degli uragani che hanno colpito gli Stati Uniti dal 1950 ad oggi e sono giunti alla conclusione che le tempeste che portano nomi femminili sono quelle prese meno seriamente e quindi maggiormente sottovalutate.

In realtà gli uragani vengono battezzati con nomi maschili e femminili alternati

Secondo Sharon Shavitt, docente dell'università e co-autrice dello studio, il pregiudizio di genere influisce non solo nel giudicare le persone nella vita quotidiana, ma anche sul modo in cui si affrontano le catastrofi. Istintivamente un uragano con un nome da donna è meno temuto e quindi ci si prepara meno al suo arrivo se l'uragano si chiama con un nome dolce come Belle o Cindy.

Nomi femminili per gli uragani
Secondo uno studio americano gli uragani con nomi femminili sono i più devastanti

Dopo l'analisi dei dati delle vittime delle varie tempeste, i ricercatori hanno inoltre voluto sottoporre 6 gruppi di persone ad un test di valutazione sul livello di rischio di uragani dai nomi maschili e femminili, e i risultati ottenuti confermano che gli uragani dai nomi femminili sono ritenuti meno pericolosi e meno intensi.

L'errore di valutazione però non riguarda solo il genere, ma anche i pregiudizi razziali sui nomi che suonano ispanici o arabi. Ad Omar ad esempio è stata attribuita l'intensità massima di pericolo, mentre quella minima è stata assegnata a Dolly.

Pare quindi che la responsabilità del World Meteorological Organization nella scelta del nome dell'uragano non sia da sottovalutare.

Gli uragani con nomi femminili più devastanti degli ultimi anni sono stati Katrina (2005), Irene (2011), Sandy (2012), Ingrid (2013) e Irma (2017).

19 settembre 2017 - Lo staff di Nomix.it

LEGGI TUTTE LE NEWS

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGIO