REGIONI ITALIANE 2 FRIULI VENEZIA GIULIA

Luglio fugge via e noi lo acciuffiamo appena in tempo per fare la terza puntata di questo mese, portarci a pari e mantenere le promesse.

Luglio da Giulio. O, meglio, da  Iulius. In onore di Giulio Cesare. Ma da Iulius anche Friuli. Viene infatti Friuli da Forum Iulium, oppure tutto attaccato Forumiulium: il Foro della Gens Iulia, oppure il Foro di Giulio (Cesare), come preferite. 

Possiamo anche risolvere un vecchio dilemma: Frìuli, con l’accento sulla i, o Friùli, con  l’accento sulla u? Friùli, per una semplice  regola di accentazione del latino.

Questa Regione è talmente legata a Giulio Cesare da volerlo dire una seconda volta: infatti ha  nel suo nome anche la parola “Giulia”. Per essere più precisi, è Venezia (Venetia, Terra dei Veneti) Giulia.

 

Capoluogo della Regione (ma anche di una delle più piccole province italiane, 212 km2 è Trieste, fiorente porto asburgico, antica Tergeste, parola da ricondurre allo slavo antico Terge, mercato[1]. Sembra più probabile però una derivazione dal venetico (quindi una radice pre-romana). [5]

 

Anche Gorizia è da ricondurre allo slavo: Gorica (pn. Goriza), piccolo monte. La parte slovena della città si chiama Nova Gorica. Tra i comuni della provincia Cormons, dal latino Cor montis, Cuore del monte, e Grado, che nelle lingue slave vuol dire “città”[2].

 

Pordenone è una crasi e viene da Portus Naonis, dove Naonis è l’antico nome del fiume Noncello. Appartiene  alla sua provincia il comune di Erto Casso, portato agli onori della memoria (tragica) dal monologo di Marco Paolini sulla diga del Vajont[3], costruita tra il  Monte Salta e il Monte Toc.[4]

 

 

Quasi tutti i toponimi della provincia di Udine, capoluogo compreso, hanno origine friulana. Udin (Udine), Osof (Osoppo), Glemone (Gemona del Friuli).

Però c’è anche Cividale, che deriva da civitas, civiltà. Centro del Ducato Longobardo del Friuli. Dalla metà del V secolo il centro più importante della zona, tanto da dare il proprio nome a tutta la regione. Infatti, all’origine, la Forum Iulium che abbiamo menzionato sopra, era l’odierna Cividale, fondata da Gulio Cesare. Anche Friuli, come Portogallo, è una sineddoche.


 


[1] In alcune lingue slave, come sloveno e croato, troviamo Trg, piazza. Uguale significato ha in ungherese (che, ricordiamolo, non è una lingua slava, ma ha assorbito parole dai suoi dominati) Ter.

[2] Ad esempio, Leningrado, Belgrado, Togliattigrad, etc

[3] Durante lo spettacolo, Marco Paolini ricorda che, mentre veniva edificata quella diga, avvenne la tragedia del Frejus. Anche Frejus viene da Forum Iulium. Un nome e un tragico destino hanno accomunato nel giro di pochi anni due terre lontane. Nomen omen?

[4] Paolini dice: “In tutto il Veneto Toc vuol dire pezzo, ma in friulano patoc significa marcio. Stanno costruendo una diga su tra il Monte Salta e il Monte Pezzo Marcio, sopra un torrente che si chiama Vajont, che in ladino vuol dire va giù”

[5] "Tra i toponimi che possono spettare al venetico ricorderemo: Opitergium e Tergeste, cioè Oderzo e Trieste. Essi contengono il medesimo radicale e possono essere attribuiti senza alcuna difficoltà al venetico" (Fonte: Treccani.it)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGIO